Caso Clinico


Gerry il dormiglione (amputazione arto)
10/08/2011

 Caso Clinico n° 1           

Gattino maschio di nome Gerry di mesi due di colore grigio.Gattino molto vivace a cui piace molto stare al caldo.Un giorno decide di accovacciarsi nel vano motore dell’auto della padrona e si addormenta. E’risaputo che i gatti hanno un sonno molto profondo , per cui quando la proprietaria mette in moto il veicolo Gerry non fa in tempo a scappare ed è così che la zampetta anteriore dx rimane impigliata nella cinghia di distribuzione del motore provocandogli una forte distensione articolare con lacerazione dei legamenti omero-radio-ulnari e delle terminazione nervose con perdita di sensibilità dei segmenti distali della zampa corrispondente.

Si iniziano le terapie del caso sperando in una ripresa anche parziale della sensibilità.

Dopo una settimana rivedo il gattino.Lo stato di salute generale è buono ma l’estremità distale della zampa si presenta ulcerata e necrotica perché tocca per terra quando cammina o corre.

In  considerazione del fatto che non c’era stato nessun miglioramento nel recupero della sensibilità locale, che il gattino  non alzava la zampetta durante gli spostamenti, e che le condizioni di salute generale erano buone,si decide per l’amputazione parziale della zampa in corrispondenza dell’articolazione omero-radio-ulnare.

Gerry

Dopo 10 giorni procedo con l’asportazione dei punti di sutura.

Il proprietario riferisce che gattino salta e corre come prima solo che ancora non riesce ad arrampicarsi sugli alberi !!!!!!!!!.

Considerazioni. Spesso è difficile per il proprietario accettare l’amputazione di una zampa per il proprio animale,quello che mi sento di dire è che quando si propone l’amputazione è perché evidentemente non ci sono altre possibilità terapeutiche.

Gli animali hanno la fortuna di avere 4 zampe per cui quando rimangono con tre è come se ne avessero quattro.

 Gennaro Dott. Calogero