News


Bozza di legge sulla Pet Therapy
10/01/2015

 BOZZA DI ACCORDO

Linee guida nazionali sulla pet therapy
Lunedì, 24 Novembre 2014 15:03
Il Ministero della Salute ha trasmesso alle Regioni uno schema di accordo che stabilisce Linee guida nazionali per gli interventi assistiti con gli animali (IAA). L'obiettivo è di garantire corrette modalità di svolgimento per tutelare la salute umana e il benessere dell'animale. Necessari "rigorosi criteri scientifici" e una "regolamentazione specifica. 
 
Sono molte e variegate le iniziative di pet therapy sul territorio nazionale. Il diffondersi di interventi assistiti con gli animali rendono necessaria una regolamentazione uniforme e rigorosa dato il coinvolgimento di persone appartenenti a categorie più deboli, quali malati, bambini, anziani e persone con disabilità, in disagio o marginalità sociale. Una proposta di Accordo formulata dal Ministero della Salute alle Regioni intende promuovere gli Interventi Assistiti con gli Animali (IAA) e darvi rigorosi fondamenti scientifici, essendo riconosciuta peraltro una valenza terapeutica, riabilitativa, educativa e ludico-ri creativa.
 
L'Accordo suddivide le IAA in: TAA Terapia Assistita con gli Animali,  EAA Educazione Assistita con gli Animali, AAA Attività Assistita con gli Animali. 
Ciascuna richiede una équipe multidisciplinare, un gruppo di lavoro composto da diverse figure professionali, sanitarie e non, "in possesso di specifica formazione acquisita in base ai criteri delle linee guida". 
Non rientrano nelle IAA le attività sportivo-agonistiche con gli animali; tutti gli animali impiegati nelle IAA devono essere conformi alla linee guida, in particolare i cani di assistenza alle persone con disabilità sono educati e addestrati in maniera specifica per la delicatezza delle funzioni e dei compiti che svolgono per conto delle persone che non le possono eseguire in maniera autonoma. Gli animali dovranno essere sottoposti a valutazione sanitaria e comportamentale.
 
Nel testo, oltre ai percorsi di formazione per operatori e animali, sono previste le linee guida per l'organizzazione di strutture specializzate, idonee a ospitare cuccioli e pazienti. I Centri dove possono essere svolte le IAA devono rispondere ai requisiti previsti dalle linee guida e riconosciuti dalle autorità sanitarie territorialmente competenti; al di fuori di strutture riconosciute, le figure professionali  dovranno registrarsi presso la Asl. L'elenco delle strutture, delle figure professionali e dei progetti saranno accessibili al pubblico sul sito del Centro di Referenza Nazionale per gli IAA.
 
E' prevista una fase attuativa di 12 mesi dall'approvazione dell'Accordo e un periodo di 24 mesi per l'adeguamento alle linee guida delle strutture che già operano prima dell'entrata in vigore dell'Accordo. Transizione di 24 mesi anche per le figure professionali e gli operatori già in attività che docranno acquisire una specifica idoneità sulla base delle linee guida.
 
Una prima riunione tecnica è stata convocata il 19 novembre scorso presso la Conferenza Stato Regioni. Il testo integrale delle Linee Guida è stato pubblicato in anteprima dal Sole 24 Ore Sanità.
 
Alla stesura definitiva della legge provvederò ad allegarla
Gennaro Calogero